cinema

Cumper
the erotic family

Regia: Rosario Gallardo

(Italia, 2018)

 

Cast: 

Regina Vertebra
Lady Attila
Manfredi

Quattro persone legate dal desiderio sono una famiglia? Un nonfiction movie erotico e pornografico girato in cinque giorni a bordo di un camper. Due coppie, una di ventenni e una di quarantenni, viaggiano per andare a fare una performance pornoestetica in un festival postporno a Roma. Colgono l’occasione per girare “un film di sesso” e, oltre a farne tanto, prendono consapevolezza del loro legame erotico e di quanto questo esca dagli stereotipi sociali.

Mignon

Regia: Massimo Alì Mohammad

(Italia, 2013)

Docu-film prodotto da FeedBack

Starring: Michele Poletti, Nello Poletti, Franco Talamini; Francesco Scafuri, Arnaldo Botti, Gianni Vallieri, Giordano Ferraresi, Gabriele Caveduri, Leonardo Scalambra

Il Mignon, ex cattedrale di San Pietro, fino alla sconsacrazione durante le invasioni napoleoniche, una delle chiese più importanti della città, è attivo come cinema dai primi anni ’40, dopo essere stato un magazzino e una sala da ballo. Fino agli anni ’70 cinema di seconda visione e sede di notevoli rassegne, tra cui una personale completa di Pasolini, nei primi anni ’80 viene convertito a sala a luci rosse.
Il cinema è aperto 365 giorni all’anno, dalle 14.30 a mezzanotte, Natale compreso.
Il Mignon è un cinema pornografico che potremmo definire d’essai, dove è possibile visionare pellicole che hanno fatto la storia del genere. Film anni ’70 e ’80 con le star di una volta: Moana, Angelica Bella, Traci Lords, John Holmes e Ron Jeremy, tra gli altri. Non è difficile, però, incontrare anche spettatori semplicemente cinefili.


Il documentario, oltre alla testimonianze dei frequentatori, si basa sulle storie del cassiere del cinema e dei due proiezionisti, tre uomini di tre generazioni e tre caratteri molto diversi, che raccontano se stessi e la loro Ferrara, di come sia cambiata negli anni e in cosa sia rimasta davvero arretrata.
Oltre a queste interviste sono inoltre compresi gli interventi di uno storico ferrarese (riguardo la storia del luogo), un ex-gestore ora barbiere a Bondeno (FE), il figlio di uno dei geometri che lavorò al progetto del ’40, l’organizzatore della rassegna dell’epoca su Pasolini e una ex-cassiera degli anni ’80, impiegata poi presso il multisala della città.

Retrospettiva cinematografica

WErther Germondari

SMACK

2016, 6'

di Werther Germondari e Maria Laura Spagnoli

Con Dawn e Dave (the queer slave)

Una dominatrice ottiene quello che vuole... la storia di un buffo incidente durante una sessione fetish...

"We love its stylised nature and its driven sense of story” (London Porn Film Festival 2017)

POW
(Piss Off War)

2018, 9'

di Werther Germondari e Maria Laura Spagnoli

Con Werther Germondari, Peter Ustinhoff e Maria Laura Spagnoli

Durante una guerra la battaglia infuria. Nelle retrovie l'atmosfera sembra più tranquilla, ma in realtà anche lì si vivono situazioni allucinanti…

"POW rinnova l’immaginario del porno con un’idea sperimentale e coraggiosa. Di fronte alla banalità del male che la violenza della guerra porta con sé, due soldati di fronti opposti si abbandonano alla sperimentazione allucinata e consensuale in una natura che li protegge, dove umano e non umano, reale e non reale si confondono, lasciando chi guarda in uno stato di curiosa confusione”

(motivazioni del Premio come Miglior Cortometraggio Italiano, Hacker Porn IFF, Roma 2018)

fuckough

2019, 15'

di Werther Germondari e Maria Laura Spagnoli

Con Viky Moore, Werther Germondari e Alice Rottenmaier.

Sesso, tradimento e vendetta. In una sola settimana tutto l’amore ‘tosseco’ di una tranquilla coppia di coniugi...

happy hour

2019, 2'

di Werther Germondari

Con Dave (the queer slave)

Rilassante momento aperitivo per Dave 'the queer slave'...

scrotalus

2019, 2'

di Werther Germondari

Alcune rare immagini di queste timide creature, riprese con grandi difficoltà nel loro ambiente naturale...

Be brief

2019, 2'

di Werther Germondari e Victory Storari

Con Marta Rot

Veloce fellatio con degustazione condivisa.

sado vegan session

2019, 7'

di Werther Germondari

Performance ironica 'in salsa fetish' sull'attenzione, nella pratica gastronomica vegana, nella preparazione degli ingredienti vegetali trattandoli con rispetto, per avere una resa migliore…

Performance realizzata per la mostra d'arte collettiva "Pornotismo", Studio Campo Boario, a Roma, il 2 dicembre 2017

Maria Laura Spagnoli

Werther Germondari (Rimini, 1963). Artista visivo e filmmaker indipendente, diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e laureato in istituzioni di regia teatrale al DAMS di Bologna. Attento a dinamiche innovative sperimentali neo concettuali e situazioniste, che si caratterizzano di un gusto ironico e surreale, svolge da 35 anni una ricerca che si attua attraverso numerosi media espressivi. Ha esposto in gallerie private e spazi sperimentali, alternando installazioni d’ambiente, videowork, e atti performativi, focalizzando l’attenzione su elementi nascosti, attinenti ad una visione reale, sociale e politica, spesso in modo dissacrante. 

Maria Laura Spagnoli (Amelia, 1960). Laureata in Lettere (Storia della Musica) alla Sapienza di Roma e in Istituzioni di Regia all'Università di Bologna. Negli anni Ottanta, fa esperienza come assistente alla regia di opera lirica. Collabora e vive con Werther Germondari dal 1988. Il loro primo cortometraggio è stato selezionato in concorso al Festival di Cannes del 1994. Tra le molte retrospettive che sono state dedicate al loro lavoro cinematografico ricordiamo quella su La7 TV nel 2005, all’Oldenburg IFF 2006 e al Lago IFF 2012, in cui hanno anche presentato in prima italiana ‘Sex Equo (sex in the foreground)', il loro primo lungometraggio. Stanno al momento terminando il loro secondo lungometraggio, ‘Sex Novo (sex in the background)’ e contemporaneamente lavorando alla realizzazione del lungometraggio ‘(S)explicitus. Tutti fanno parte della trilogia del ’Tractatus logico-phileroticus’, progetto di Werther Germondari per tre film ad episodi a tematica sessuale iniziato nel 1998.

take me like the sea

Regia: Salty Cheri

(Berlino, 2016)

 

Starring: Lou Smorals, Finn Peaks, Caritia, Ann Antidote, Lun Ario

"Take Me Like the Sea" wants to shake off stereotypes and other perceptions about both pornography and classical music.

Through seven scenes, from a kinky piano lesson to a majestic orgy, discover the magic happening when the lights go down.

Join us on a journey to make classical music and poetry more accessible by serving it with kinky, consensual, and diverse queer porn.

Selezione di porno vintage a cura di Emiliano Cinquerrui

 

Se i concetti sono immagini e il cervello è lo schermo sul quale si fondono sensazioni e idee, con il dinamismo di un’attività mentale che sa coniugare e fondere componenti molteplici, sarà allora possibile evocare i fantasmi delle erezioni passate e filmate per poter loro negare il futuro.

Pierre Moliner

Archeoporno

archivio instabile temporaneo di attori e tessuti morti

© 2019 by Vieni? | Catania PornFest 2019

STAY TUNED
FESTIVAL PARTNERs
  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • White YouTube Icon
logo bianco.png
logow.png
rocket BIANCO.png
LOGO VERMUT BIANCO.png
LOGO BALOON COMPLETO BIANCO.png
LOGO VDPRINCIPE BIANCO.png
LOGO AVAJA BIANCO.png
LOGO IBRIDI BIANCO.png