MOSTRE

COllettiva fotografica

viadelporno

Per abitudine pigra al fraintendimento costante, il pornofago confonde l'ambito operativo dell'erotografia, relegandola a mero pezzo meccanico per lavorazioni eiettive a mano o a macchina ed evitando con ogni cura che si scateni nello schermo impuro del nervo ottico, suo indiscusso regno intercerebrale, al vile fine di sentirsi parte attiva della seduzione omessa.Rinunciate agli automatici orgasmi reverenziali, non ricorrete ai soliti nessi arbitrari con il mondo animale: regalateci i vostri occhi.

«Oculos habent ad videndum et non vident»
Ezechiele XII, 2

Il 22 maggio alle 18.30, presso lo spazio espositivo viadelprincipe, s'inaugura la collettiva fotografica “viadelporno” che ospiterà due progetti editoriali dello studio CINQUENOVENOVE, “Fontana di sperma” di Luca Donnini, il progetto “Fetish Dolls” con Aisha Kandisha & Voodoo Doll prodotto da Légami Experience e Deviant Love, “Eromata” di Luca Mata, “FKN’R” di a̶n̶o̶n̶i̶m̶o, “Leda Local Dimming” di Ricky Caruso con Leda Gheriglio e il progetto fotografico di Anita Dadà

Spazio espositivo viadelprincipe


Via del Principe 20, Catania
Opening: Giovedì 22 Maggio

18.30 - 21.30


La mostra è visitabile dal 23 al 26 Maggio

h. 16.00 - 18.00

Artisti in mostra

Luca Donnini

Scenografo, fotografo, videoartista e artigiano visuale. Amato nella scena underground, rispettato dalle grandi istituzioni dell’arte, ha esposto a Madrid, Berlino, Stoccolma, Lubiana, Belgrado e Istanbul. Tra i fondatori dello studio Cinquenovenove, attualmente vive e lavora a Roma.

"Fontana di sperma"
Istallazione di Luca Donnini

Inno all’amore, serenata barocca, la Fontana di Sperma cresce fiera sotto le mani di Luca Donnini. Un’istallazione nomade che è stata avvistata in strada e in case private, in locali pubblici e in teatri occupati.

cinquenovenove

Editore indipendente di libri, arte, fotografia, musica e design, con sede a Roma è un ex fattoria riconvertita in laboratorio per artisti.

"Johns & Hookers Beware"

(we note lic plates inform home & job)

A photo journal about porn in NY ”say, in the 80’s” by Michele Capozzi

Cinquenovenove riceve una collezione di 5mila diapositive scattate nel cuore della pornografia a NY, tra la fine del golden age in 35mm e la nascita della industria porno VHS.

Dimenticati in uno sgabuzzino di un custode romano, riemergono dopo 15 anni per raccontare l’avventura americana del pornologo ed esploratore urbano, Michele Capozzi (Genova 1950): una testimonianza che racconta gli ultimi giorni della luce rossa in Time Square con i pezzi grossi della pornografia americana.
 

Progetto editoriale dello studio – Cinquenovenove

Archivio fotografico – Michele Capozzi & friends

"Toy meets toy"

Storie di amore tra giocattoli e sextoys

Cinquenovenove inscena due collezioni: una di giocattoli per adulti raccolti in una decade nell’industria del sesso, l’altra di giocattoli per bimbi raccolti in una eterna ricerca del giocattolo perduto.

Progetto editoriale dello studio – Cinquenovenove

Luca mata

Nato a Milano nel 1982, Luca Matarazzo è un fotoreporter italiano.

Dopo un corso di fotogiornalismo presso Contrasto, inizia la sua collaborazione con la storica agenzia Tam Tam fondata dal fotoreporter Roby Schirer, per poi approdare a Fotogramma, per anni punto di riferimento per i quotidiani Corriere della Sera e La Repubblica.

Da anni collabora con i principali quotidiani e settimanali nazionali ed esteri. Come fotoreporter ha seguito alcuni tra i maggiori avvenimenti italiani e internazionali, dagli attentati terroristici di Parigi al Bataclan e allo Stade de France del novembre 2015, agli sgomberi della Jungle di Calais, nel febbraio 2016. Ha vinto il “PremioGuido Vergani – Cronista dell'anno 2016”.

"eromata"

 

È un progetto nato nel 2012 esplorando l'esibizionismo e voyeurismo al tempo dei selfie.

Sono immagini in cui le luci non vogliono nascondere, ma mettere a nudo personalità e forme: il risultato è schietto, a volte volgare, ma capace di riportare realtà e spontaneità. Il soggetto, nelle intenzioni del progetto, si spoglia delle proprie ansie ponendosi senza veli e censure davanti all'obiettivo.

 

Ma la storia raccontata dalle fotografie nasce dopo una riflessione precedente allo shooting, in cui fondamentali sono il rapporto e la relazione con il soggetto, a cui non vengono date indicazioni su come comportarsi davanti all'obiettivo.

 

Il risultato è fatto di scatti non posati, che diventano il reportage di questa relazione. La provocazione, data dalle inquadrature esplicite, non è l'unico intento della serie, che vuole anche dare spunti di riflessione sul tema dell'arte e della sensualità maschile e femminile nella società.

 

L'intento è opporsi a un genere fotografico in cui si tende a creare un'immagine patinata e idealizzata dell'erotismo, della sessualità e dell'immaginario ad esse legato.

Anita dada'

Anita Dadà, classe 1984, è fotografa di nudo e Fetish Entertainer di base romana.

 

La sua produzione si snoda mediante una serie di autoscatti erotici, sensuali, ma mai volgari. Nel rifiuto di qualsiasi etichetta fashion o glamour, le sue fotografie si aprono alla più spiccata gioiosità, sincerità e ironia: l'artista si immortala come personalità indipendente, impegnata nel netto diniego di una morale a senso unico che relega la donna a oggetto di desiderio, senza mai farla essere fruitrice dei contenuti.

 

Benché la caratteristica iconografica dei suoi scatti verta sulla volontà di celare il volto, chiaro rimando alla deontologia delle webcam-girl, le fotografie divengono capaci di veicolare intimi messaggi sentimentali e sessuali.

 

Dal 2014 collabora con una società americana nella produzione di video erotici di stampo fetish.

(Atlante Dell'Arte Contemporanea, DeAgostini, 2018) 

Ricky Caruso

Nato a Catania nel 1976, Ricky Caruso si occupa di fotografia, produzione e post produzione video per Kina snc, studio multidisciplinare catanese.

Dal 1999 realizza cortometraggi indipendenti, e nel 2007 vince il premio per i migliori Fx del JoeD'AmatoHorrorFestival, con il lavoro “Fantasmi di Luce Buia”.

Il suo primo lungometraggio, “Naftalina”, è distribuito nel 2014 in home video da SinisterFilm / CG Entertainment.

Nel 2018 è distribuito in home video, per il mercato americano, “P.O.E.3”, film collettivo di cui ha diretto un episodio.

Dal 2009, inoltre, organizza nella sua città eventi cinematografici, tra cui si segnala “Glory To The Basterds", retrospettiva dedicata ai Maestri Enzo G. Castellari e Umberto Lenzi, e “Midnight Cult Catania”, una rassegna esclusivamente dedicata al cinema di genere.

Dal 2018 cura due rubriche di approfondimento home video su Nocturno Cinema.

Aisha Kandisha & Voodoo Doll

Aisha Kandisha

Ropmodel & Performer, attiva promotrice della sessualità alternativa, del movimento Queer e del BDSM a Palermo.


Nel 2014 conosce il Kinbaku e diventa un' amante di questa particolare disciplina, partecipando a corsi ed eventi di Shibari, non solo in Sicilia.
Nel 2016 crea "DeviantLove" e inizia a organizzare eventi BDSM come Munch, Peer Rope, Play Party e performance a tema.

Voodoo Doll

Bunny Ropes, Performer Burlesque, alternative model e attiva promotrice della sessualità alternativa, del movimento Queer e del BDSM a Catania.


Nel 2016 crea "Lègami Experience" giovane community kinky, e inizia a organizzare eventi BDSM come corsi di shibari, Peer Rope, Play Party e performance a tema.

"Fetish Dolls"

Immortala il "gioco" bdsm fra Aisha Kandisha & Voodoo Doll che si abbandonano all' intimo  "piacere delle torture". La mora Aisha e la bionda Voodoo sono i volti pubblici delle donne che spingono la scena bdsm in Sicilia.

Produzione fotografia a cura di "Lègami Experience Catania" e "Deviant Love Palermo"

anonimo

Mostra collettiva

membra / o

Il corpo è presentato come oggetto/soggetto sensibile alle sollecitazioni amorose e carnali.
Il corpo è, dunque, membro, ossia, oggetto visivo e tangibile del desiderio che allude alla sfera attiva e riproduttiva ma anche a quella puramente fisica e passionale.
Il corpo è composto da membra, attivate da azioni e condizioni di desiderio e piacere.

Questo progetto espositivo diviene emblema della funzione stessa della pornografia: rendere esplicito / macro l’atto sessuale e alcuni aspetti dell’amplesso su cui la macchina da presa si sofferma invitandoci a osservarli più da vicino.
L’incontro sessuale diventa immagine pura: grandangolo che consente a soggetti esterni di osservare da una prospettiva privilegiata e di compartecipare alla scena, condividendone il godimento.

Alcune immagini risultano esplicite mentre altre sono solo accennate o allusive, ma le/il membra/o diventano segno e senso. Il corpo e i suoi feticci, il corpo e la sua bellezza, il corpo e la sua naturalezza è svelato e rilevato nel climax della passione e del godimento o altresì nella volontà ammiccante e sensuale del corteggiamento.

Come da consuetudine per Sartoria Editoriale, verrà prodotta un’edizione a tiratura limitata stampata e rilegata in proprio con disegni e illustrazioni di Roberta Normanno e Marco Magió.

Il 23 maggio dalle 18:00 alle 21:00 Balloon | Contemporary Art and Publishing e l’associazione culturale Avaja presentano la mostra collettiva “Membro/a” a cura di Valentina Barbagallo e Giuseppe Mendolia Calella.

I dieci artisti invitati: Francesco Balsamo, Giovanna Brogna Sonnino, canecapovolto, Laura Cantale, Simone Caruso, Rita Casdia, Irene Catania, Alice Grassi, Gianluca Normanno, Maurizio Pometti attraverso diversi medium, analizzano e raccontano visivamente il corpo umano dal punto di vista dell’erotismo e nel contesto sessuale pornografico.

Sartoria Editoriale
Via Vecchia Ognina 85, Catania

Opening: Giovedì 23 Maggio

h. 18.00 - 21.00


La mostra è visitabile dal 23 al 26 Maggio

h. 17.00 - 21.30

Personale lydia giordano

eroto mani

"Stringersi le mani è troppo, mettiti i guanti.

Dovremmo presentarci con più cura:

“PIACERE”

“IL PIACERE E’ TUTTO MIO “
Durante un reading di Guido Celli a casa di Floriana ed Emiliano, ho chiesto alle mie mani di farsi amanti fra di loro.

Due mani con i dorsi, i palmi, le dita, lo spazio fra le dita, quasi fino all’attaccatura del polso, hanno più combinazioni e giochi.

Possono evitarsi.

Delicato, leccami con le dita.

Tutte le volte che vogliamo, in mezzo agli altri.
Basta che siano nude le mani e siamo nudi tutti."

Lydia Giordano

Il 23 maggio dalle 18.00 alle 21.00 al Vermut s’inaugura la mostra d’illustrazione “EROTO MANI” dell’artista Lydia Giordano.

Per l’occasione, Vermut prepara per voi #PornFood da orgasmo, perché l’unica dieta consigliata è quella dell’Eros.

La mostra sarà visitabile dal 23 al 26 maggio, negli orari di apertura del Vermut. Durante l’aperitivo e per tutta la settimana sarà possibile acquistare i biglietti giornalieri #DailyTicket e gli abbonamenti #3DayPass per Vieni? - Catania PornFest 2019

Vermut Bar Salumeria
Via Gemmellaro 39, Catania

Opening: Giovedì 23 Maggio

h. 18.00 - 21.30


La mostra è visitabile dal 23 al 26 Maggio negli orari di apertura del Vermut

© 2019 by Vieni? | Catania PornFest 2019

STAY TUNED
FESTIVAL PARTNERs
  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • White YouTube Icon
logo bianco.png
logow.png
rocket BIANCO.png
LOGO VERMUT BIANCO.png
LOGO BALOON COMPLETO BIANCO.png
LOGO VDPRINCIPE BIANCO.png
LOGO AVAJA BIANCO.png
LOGO IBRIDI BIANCO.png